Uso e Manutenzione

Gli artigiani di Cadore hanno impiegato ore di paziente lavoro per realizzare i loro manufatti. Il legno è un materiale naturale, con le sue particolarità, venature e ombreggiature che rendono un mobile unico anche rispetto al suo corrispondente in show room o in catalogo. E’ necessario quindi prendersi cura di questi oggetti di pregio perché possano mantenere ed aumentare il loro valore nel tempo. Sin dai tempi più antichi, i mobili delle residenze dell’alta società e della nobiltà venivano accuratamente protetti e lucidati dalle governanti utilizzando cera d’api grezza riscaldata, spazzolando poi la cera in eccesso ed infine lucidandoli con un panno di lana.

I mobili di Cadore sono realizzati abbinando il legno a materiali ad alta tecnologia, che comunque necessitano di alcune attenzioni di semplice esecuzione per mantenere nel tempo la loro integrità e la loro bellezza. Sono mobili concepiti e realizzati per un utilizzo in interni, quindi anche se protetti non ne possiamo garantire la funzionalità e la durata se esposti agli agenti esterni.  Non devono essere esposti alla luce diretta del sole, che può portare a sbiadimenti e a inevitabili variazioni di colore. Il legno può essere gravemente danneggiato dal contatto prolungato con acqua o altri liquidi, o anche col vapore, per cui è necessario rispettare alcune semplici regole di utilizzo mantenendo l’ambiente in normali condizioni di uso quotidiano (temperatura tra i 15°C e i 30°C, umidità tra il 40 e il 70%). In caso di utilizzo in ambienti come la cucina o il bagno, dove il caldo e l’umidità possono accumularsi, è buona regola arieggiare e ventilare le stanze dopo per garantire un ricambio dell’aria ed il ripristino delle normali condizioni dell’ambiente.

La pulizia potrà essere effettuata con un panno morbido, leggermente inumidito, agendo e rimuovendo subito ciò che ha causato lo sporco o la macchia, senza usare nessun tipo di solvente o di detergente abrasivo. Dopo l’intervento occorre asciugare immediatamente. Non si devono appoggiare sul mobile oggetti caldi (pentole provenienti dal fuoco, teiere, eccetera) né oggetti accesi (sigarette, candele, ecc.), né lasciar cadere o appoggiare senza la dovuta cautela oggetti pesanti o che possano comunque graffiare la superficie.